Gente del Quindicesimo

Presidente Onorario Gen. S.A. M.A.V.M. Oreste Genta

A seguire potete leggere un nuovo racconto su una delle tante avventure che hanno visto attore principale il nostro amato HH3F codice Alfa.

L'occasione è propizia per chiedere ai nostri lettori di verificare se siano in possesso di fotografie non comuni dell'elicottero HH3F codice Alfa, meglio se riprese nel corso di esercitazioni o operazioni reali, sia a colori che in B/N.

Servono come il pane perché negli archivi sinora esplorati vi sono poche foto del codice Alfa significative, che non siano al parcheggio o le comuni in acqua o con il solito malcapitato ARS appeso al verricello.

Tra le foto che servono, in particolare sarebbero apprezzate quelle collegabili ai seguenti eventi:

  • esercitazioni Mare Aperto (vari anni);
  • naufragio nave Tito Campanella (1984);
  • operazione Margherita (sequestro nave Achille Lauro 1985);
  • operazione Lampedusa (lancio missili libici su Lampedusa 1986).

Chi ne fosse in possesso è pregato di mettersi in contatto con Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per le modalità di invio. Nel caso di invio via posta elettronica le foto devono essere in formato jpeg e, se scannerizzate, con DPI almeno pari a 300


SIKORSKY HH3F

Only God has saved more lives

stemmaHo volato con Claudio Campi un discreto numero di missioni, anche perché è stato uno dei principali istruttori dello Stormo concludendo la sua attività di volo con ben 10.000 ore all’attivo. Con lui Capo Equipaggio ho volato la prima settimana del terremoto dell’Irpinia poi, trascorrendo il tempo e progredendo io in carriera più di lui che ha iniziato come Sottufficiale per terminare con il grado di Colonnello, mi sono trovate ad essere io il Capo Equipaggio e lui il mio secondo.

Nel 1984, il Col. Pastorino come Comandante di Stormo, mi trovai a “montare” d’allarme – come si dice in gergo -  proprio con Campi. Evidentemente era un periodo in cui scarseggiavano i secondi, visto che si montava d’allarme in due Capi Equipaggio. La giornata si prospettava abbastanza tranquilla; le condimeteo erano discrete, mentre nei giorni precedenti non erano state delle migliori.

Al suono della campanella d’allarme ci rechiamo in sala operativa per acquisire i dati della missione. Oggetto del soccorso una imbarcazione a vela di circa 15 metri di lunghezza con il timone in avaria. A bordo due persone, marito e moglie, di nazionalità svedese. Condimeteo: cielo parzialmente nuvoloso e mare forza 4/5 con vento sferzante, comunicazioni radio su frequenza HF con Roma Radio, una stazione delle Poste in contatto con l’imbarcazione, poi sul canale 16 delle frequenza UHF marine. Valuto la situazione: ci sarà bisogno di buona manualità nel caso ci sia da effettuare il recupero con verricello ed una sufficiente padronanza dell’inglese per colloquiare con l’imbarcazione. Il Capo Equipaggio dovrà gestire la manualità della missione ed il secondo le comunicazioni radio ed il coordinamento con gli Enti interessati. Il Capo Equipaggio sono io ed il secondo Claudio Campi, ma le peculiarità necessarie per la missione sono invertite, dei due chi ha la maggiore manualità è sicuramente lui e chi può gestire le comunicazioni in inglese sono io. Quindi decido di invertire le posizioni a bordo, Claudio siederà al posto del Capo Equipaggio ed io a quello del secondo.

barca p

Molto prima dei fatidici 30’ imposti per decollare dall’attivazione dell’allarme siamo in volo e dirigiamo verso la posizione stimata dell’imbarcazione, fra il Circeo e Ponza. Non impieghiamo molto ad individuarla. Il cielo è frastagliato di nuvole bianche e non piove, ma il mare è veramente agitato. La barca è una mono albero che oscilla paurosamente, completamente in balia delle onde. Gli ampi movimenti dell’albero lo rendono simile ad una frusta che sferza l’aria. In queste condizioni il recupero non è possibile perché l’albero andrebbe ad interferire con il cavo del verricello. Siamo stati avvistai che dal porto di Anzio è partito un rimorchiatore per effettuare il soccorso e traino dell’imbarcazione in avaria. Contatto il rimorchiatore e gli fornisco la posizione dell’imbarcazione, inoltre chiedo quando stima di raggiungere la zona, nel frattempo noi orbiteremo mantenendo sotto controllo la situazione pronti ad intervenire se necessario. La risposta del rimorchiatore ci lascia di stucco. Ha un motore in avaria, procede a velocità ridotta e stima di giungere in zona ben oltre il termine della nostra autonomia.

A questo punto dobbiamo procedere con il recupero che non può essere assolutamente effettuato da bordo dell’imbarcazione. Dovranno abbandonarla. Comunico la decisione ai coniugi dicendogli che dovranno imbarcarsi sul battello di emergenza che hanno a bordo e che vedo già pronto a poppa. Calano il battello e si imbarcano su di esso, però la situazione non migliora perché il canotto è ancorato all’imbarcazione e quindi resta affiancato ad essa. In pratica si trova nella stessa area in cui imperversa l’albero con le sue violente ed ampieoscillazioni. Gli dico che devono tagliare la cima ed allontanarsi dall’imbarcazione perché si posa effettuare il recupero. Vedo che l’uomo incomincia a recuperare la cima per avvicinarsi alla scaletta. Vuole tornare a bordo. Appena si avvicina alla scaletta questa viene sbalzata in alto da un onda e ricade violentemente sull’uomo. Oddio!! Ho paura che si sia fatto molto male, invece lo vedo arrampicarsi sulla scaletta e risalire a bordo. Ne riscende subito dopo e taglia la cima. Era senza coltello ed è risalito e prenderne uno!

hh3fa pFinalmente il battello si allontana dall’imbarcazione e possiamo procedere al recupero, però notiamo che l’uomo non indossa il giubbotto di salvataggio. Evidentemente ne hanno uno solo, quello che è stato indossato dalla donna. Claudio è impegnato ai comandi di volo, io controllo strumenti e speed selectors e dietro si apprestano al recupero. Ai comandi del verricello Mario Catini, mentre l’Aerosoccorritore è Mario Russo. Per chi non ha avuto il piacere di volare con questi due galantuomini è d’uopo qualche spiegazione. Mario Catini è un fantastico e brillante sottufficiale noto per la sua calma, la grande operosità e la battuta tagliente. La descrizione delle concitate fasi del recupero con mare forza 4 e le indispensabili indicazioni da dare al pilota giungono alle nostre orecchie con la voce di Mario che con calma, e direi anche flemma, sembra stia descrivendo come avviene il versamento del caffè dalla caffettiera alla tazzina. Mario Russo è un aerosoccorritore non più in giovane età e, come ha sempre detto il grande Totò, così sgraziato in acqua che nessuno direbbe essere in grado di fare l’aerosoccorritore. Noi ai comandi sappiamo che dietro operano due fra i migliori professionisti dello Stormo.

Mario incomincia a descrivere le fasi del recupero.

“Sto calando Mario con il verricello”

preziosa p
“La discesa è buona e costante”

“Mario sta toccando l’acqua. Eccolo è in acqua.”

“Sta nuotando verso il battello e lo raggiunge”

“Ecco che ha scatavoltato l’uomo in acqua e gli ha assicurato la ciambella”

“Li tiro su, salgono bene senza oscillazioni, sono prossimi alla porta”

A questo punto vedo la luce del MASTER CAUTION che si accende. Vado con gli occhi al pannello delle luci d’allarme e vedo quella del generatore nr. 1 accesa. Controllo la procedura da seguire, provo a resettare il generatore, ma non riprende a funzionare.

Per non preoccupare l’equipaggio evito di comunicare l’avaria. Tocco il braccio di Claudio e gli indico la luce accesa e l’avaria, lui mi fa cenno con la testa di aver capito. Non è un’avaria che comprometta il volo, c’è in funzione l’altro generatore, però è consigliato rientrare in aeroporto al più presto.

cartolina pNel frattempo il primo naufrago è stato 

recuperato. La voce monotòna di Mario continua.

“L’uomo è a bordo” “Mario (Russo) sta prendendo fiato”

Intervengo io, il terzo Mario dei tre, dicendo “Mario, butta giù Mario”

“Sta riprendendo le forze”

Insisto: “Mario butta giù Mario”

“Non posso deve riprendere fiato”

“Mario, butta giù Mario abbiamo perso un generatore”

“Lo sto buttando giù”

La circostanza che mi ha sempre appassionato e divertito da morire, nel ricordare questo evento, è il tono, piatto, monotòno e calmo con cui il dialogo si svolse e nel quale l’unico che si trovò nel mezzo, inconsapevole del tutto, fu il povero Mario Russo praticamente buttato fuori dall’elicottero ancora con il fiatone per il considerevole sforzo compiuto.

Il recupero della donna, se pur complesso, avvenne senza ulteriori problemi e portammo i naufraghi e l’elicottero a Ciampino.

Il rimorchiatore raggiunse l’imbarcazione grazie alle indicazioni sulla posizione che noi gli avevamo fornito e ricoverò nel porto di Anzio.

I naufraghi furono fra i pochi, che io ricordi, che si ricordarono di ringraziare anche qualche giorno dopo inviando una loro cartolina.

Fiùùù, Firifiùùù

Mario Sorino