Gente del Quindicesimo

Presidente Onorario Gen. S.A. M.A.V.M. Oreste Genta

IN OCCASIONE DEGLI OTTANTA ANNI DALLA CONSEGNA DELLA BANDIERA DI GUERRA DEL
15° STORMO.

Il 3 aprile 1937 nelle mani dell'allora Comandante Col. Stefano Cagna, il 15° Stormo riceveva la Bandiera di Guerra. Oggi, lunedì 03 aprile 2017,  tutto il personale del 15° Stormo si è riunito sull'aeroporto di Cervia per festeggiare l’80° anniversario di quella storica data.

bandieraIl Comandante di Stormo, Colonnello Tomaso Invrea, rappresentando il sentimento di tutti i suoi uomini, nel suo discorso ha sottolineato come “la bandiera di guerra del 15° Stormo merita la  nostra riconoscenza e la nostra civile devozione, affinché continui ad irradiare con rinnovata vitalità quell’immenso patrimonio di valori che vanno dall‘ amor di Patria allo spirito di sacrificio, dalla salvaguardia della vita umana alla comune condivisione delle difficoltà fino alla amorevole memoria per i caduti e per chi ci ha lasciato anzitempo”.   

Oggi, 80 anni fa, il 15° Stormo riceveva la sua bandiera di guerra, con una solenne cerimonia presso l’Altare della Patria descritta nelle memorie dell’Archivio Storico di Palazzo A.M..
Oggi qui a Cervia siamo uniti intorno alla nostra bandiera per un momento di riflessione, perché desidero condividere un pensiero che provi a rinverdire il significato del nostro essere militari e appartenenti ad uno degli Stormi più gloriosi dell’Aeronautica Militare.
Noi, nella nostra vita quotidiana di uomini e donne inseriti in un sano contesto sociale, non abbiamo bisogno di simboli, vessilli, bandiere. Né in linea meramente pratica i simboli hanno bisogno di noi: la bandiera di guerra riposa nella sua bacheca, protetta dal vetro, ogni tanto ripulita e restaurata, talvolta mostrata a qualche cerimonia. Tutto potrebbe scorrere senza enfasi, con sacrifici simili a quelli che sopportano molte altre persone, alternando come gli altri preoccupazioni a soddisfazioni, gioie e dolori.
Potrebbe, ma non è.
Perché l’appartenenza al 15° Stormo ha negli anni segnato le nostre vite e, ora come sempre, ci ha spinti e ci spinge a dare prima che a ricevere, a sacrificare prima che a pretendere e ad approfittare, a comprendere prima che a subire.
E quindi abbiamo bisogno di riconoscere in una bandiera, nella nostra bandiera, il punto di forza e di memoria che ci consente di andare oltre, di guardare in alto e lontano, di superare ogni ostacolo.
E la nostra bandiera ha assoluto bisogno di noi, della nostra riconoscenza e della nostra civile devozione, affinché continui ad irradiare con nuova vitalità quell’immenso patrimonio di valori che vanno dall‘ amor di Patria allo spirito di sacrificio, dalla salvaguardia della vita umana alla comune condivisione delle difficoltà fino alla
amorevole memoria per i caduti e per chi ci ha lasciato anzitempo.
Non concordo con Bertolt Brecht quando dice “beato quel popolo che non ha bisogno di eroi”, vale invece questa verità: “beati quegli eroi che sono riconosciuti e amati dal loro popolo”. Ricordiamo sempre che le 5 medaglie conferite alla bandiera di guerra del 15° Stormo hanno stampato nel loro metallo il valore degli uomini che ne hanno scritto le gesta, silenziosi e grati di poter adempiere il proprio dovere con tutta la loro persona.
Questo vuol dire oggi onorare la nostra vetusta, venusta, amata bandiera.

Col. Tomaso Invrea

 

Immagine 001 0027    Immagine 001 028 

La Bandiera di Guerra del 15° Stormo è, ad oggi tra le più decorate dell’Aeronautica Militare. Le sono state conferite una Medaglia d’Argento al Valor Militare, una Medaglia d’Argento al Valor Civile, due Medaglie d’Argento al Valor Aeronautico ed una Medaglia d’Oro al Valor Aeronautico. L’ultima Medaglia le è stata conferita nel 2015 per gli interventi su Olbia del 2013, Modena 2014 e Mar Adriatico (Norman Atlantic) 2014.